LA ZATTERA.

È un esercizio con molteplici funzioni. Innanzitutto consente di aumentare la coscienza del corpo nello spazio me può essere usato in molte varianti anche ai fini dell’apprendimento linguistico.

 

Parole chiave – Esercizio di apertura e riscaldamento.

 

Finalità – Consapevolezza dello spazio e dell’azione attraverso di esso.

 

Descrizione – L’esercizio va svolto in silenzio e con un buon grado di concentrazione. Consiste nel camminare nello spazio occupandolo in maniera uniforme senza scontrarsi con gli altri. Mentre si cammina le mani e le braccia sono distese lungo i fianchi rilassate. Gi occhi guardano davanti e non a terra. L’esercizio è comunemente denominato "zattera" per far capire con un’immagine chiara che le persone debbono occupare lo spazio nella sua interezza. Se infatti in una zattera tutti si trovano riuniti in una angolo essa si ribalta. Vi sono moltissime varianti di questo importante esercizio, alcune verranno descritte nelle schede successive.

 

Durata – Da un minimo di 5 a massimo 10 minuti.

 

Osservazioni – Di solito, specie nelle prime sessioni di lavoro, si assiste al fatto che i partecipanti iniziano a camminare in cerchio seguendosi l’un l’altro. L’operatore dovrà rompere questa consuetudine e forzare i partecipanti ad una maggiore autonomia e consapevolezza dello spazio.