LE EQUAZIONI

Parole chiave - Calcolo letterale, monomi, polinomi, operazioni tra monomi e polinomi, equazioni.

Finalità - Comprendere le regole di risoluzione di una equazione di I grado.

Pre-requisiti - Conoscere le operazioni tra monomi.

Materiali - Risma fogli A4, pennarelli punta grande, casacche di 2 colori, musica.

Descrizione - Il conduttore suddivide il gruppo in sottogruppi composti da un numero adeguato di persone a seconda delle esigenze che sono descritte in seguito.

Ciascun sottogruppo decide quale equazione di primo grado risolvere, sarebbe interessante avere almeno due monomi con la lettera X e due numeri (Es. 3X + 2 = - 4X + 3).

I partecipanti si trasformano in monomi e numeri secondo le regole descritte nell’attività “La sfilata di monomi e polinomi”.

Rispetto alla semplice rappresentazione di monomi e polinomi nel caso delle equazioni viene introdotta la presenza del simbolo = che è rappresentato da un partecipante con un foglio su cui è disegnato un grosso simbolo di uguale.

Una volta deciso quale equazione rappresentare il gruppo la risolve su di un foglio così da comprendere i passaggi per arrivare al risultato finale X = n.

Ciascun gruppo decide una propria ambientazione (epoca storica, genere cinematografico, etc…) e una colonna sonora.

Si mette in scena, caratterizzandola a partire dall’ambientazione e dalla colonna sonora, la risoluzione dell’equazione. La teatralizzazione prevede una scena muta nella quale ciascun partecipante è caratterizzato da un proprio modo di muoversi e di agire e le operazioni si svolgono come descritto nell’attività “Operazioni tra monomi”.

Durante l’azione teatrale è importante che i passaggi vengano svolti una operazione alla volta, con molta chiarezza, così da dare al pubblico la possibilità di leggere che cosa sta avvenendo in scena sia dal punto di vista teatrale sia dal punto di vista matematico.

In questo senso svolge un ruolo fondamentale chi impersona l’uguale. Egli ha il compito di vigilare il traffico di chi nell’equazione si sposta da destra a sinistra dell’uguale o viceversa, controllando che i segni vengano cambiati.

Il conduttore lascia ad ogni gruppo circa 30 minuti per preparare la scena teatrale. Ciascuna scena viene presentata al resto del gruppo che funge da pubblico e ha il compito di controllare che i passaggi svolti siano corretti.

Durata - Da 1 ora in su.

Osservazioni - Nella fase di presentazione è importante che i partecipanti si divertano nel portare in scena l’equazione. Non è fondamentale che tutti i passaggi siano svolti correttamente. Un errore nello svolgimento può diventare spunto di riflessione per il gruppo, per ragionare insieme sulle regole delle equazioni e farle proprie.